Categorie

 

Dicembre 2019
L M M G V S D
« Gen    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Links:

Archivi

Pagine


IL RAZZISMO E’ ANCHE QUESTO


Parecchi anni fa un famoso, almeno per il nordest, gruppo musicale veneziano, i “Pitura Freska”, venne invitato dalla TV di stato per un’esibizione in una trasmissione; questi accettarono di buon grado, era un’occasione imperdibile per la loro visibilità a livello nazionale, però qualcosa non andò come doveva, oppure era solo stata una mossa provocatoria, fatto sta che dopo essersi preparati con grande meticolosità, ricevettero da Roma un messaggio che diceva in parole povere: - abbiamo deciso, nostro malgrado, di non portare più avanti il programma per la Vs. esibizione nei Ns. studi, in quanto i Vs. testi risultano incomprensibili alla maggior parte degli utenti, il Vs. dialetto non si comprende bene. Questa testimonianza è dei Pitura Freska.pitura-fresca-5.jpg

Io mi domando come si può essere così di parte in una struttura pubblica:

- è vero o no che da quando l’ente TV esiste, le canzoni siciliane, napoletane, romane, toscane, milanesi, ecc., sono sempre state trasmesse, anche a sproposito?

- è vero o no che da parecchi anni, specialmente con l’avvento delle “fiction”, c’è stato un condizionamento da flessioni dialettali nella lingua parlata nelle trasmissioni del nostro glorioso ente TV?

- è vero o no che buona parte degli spot pubblicitari, fiction e conduzioni di programmi che passa l’ente TV, sono in romanesco o ditemi qual’è la flessione dialettale che pone la Z al posto della S, che si mangia le R doppie, che mette le doppie dappertutto fuorchè dove devono andare?

La nuova moda dell’elite: far passare per termini in italiano, parole ed espressioni che riguardano solo determinate regioni?

A questo proposito mi viene in mente la “lotta italiana” contro i difensori del territorio della Lega Nord. Qualcuno li ha definiti barbari, zoticoni e bifolchi, solo perchè si esprimono nel loro dialetto e con la loro cultura, senza quel ronzio fastidioso, per me, di tutte quelle “zeta” che invece si usano nella “nuova lingua italiana” imposta dai media. Posso capire che chi non si proclama “dottore”, possa mantenere la sua flessione dialettale, ma soprattutto per i dottori in letteratura e specie nei programmi radiotelevisivi nazionali è d’obbligo la dizione corretta della nostra lingua, anche per non essere scambiati per “burini”, e siccome i media pullulano di “dottori burini”, sarebbe opportuno rientrare nelle regole dettate dai nostri padri.

Nelle barzellette italiane che coinvolgono personaggi di diverse nazionalità, si fa sempre risultare il personaggio italiano sempre nella parte del più furbo!

Nelle barzellette “italiane” che coinvolgono personaggi di diverse regioni, c’è da sempre la moda di assegnare, con la sua espressione dialettale, al personaggio veneto, friulano o altoatesino, il ruolo più negativo: o tonto, o ubriacone, o puttaniere, mentre il personaggio più scaltro parla sempre con la “ZETA” onnipresente tanto da aver condizionato il modo di penZare di un integerrimo giornaliZta che conduceva una trasmiZZione sulla III° rete Rai, il quale apertamente e senza paura disse che il boom economico del nordest era frutto di tanti piccoli imprenditori disonesti e pure evasori fiscali che invece di far lavorare tanti disoccupati, facevano 20 ore al giorno, per poi andare a spendere i proventi in alcool, puttane e casinò, quando sappiamo bene che i bar erano pieni di “parsimoniosi lavoratori disoccupati” e che non li schiodavi da li neanche con il flauto magico. Penso comunque che dopo 20 ore di lavoro duro, rimanga ben poco da “spendere”.

Questo illuminato personaggio non ha voluto precisare che spendevano soldi loro e non provenienti dalla “caZZA per il mezzodì. La disonestà e l’evasione fiscale andava provata, come si usa in un paese civile; oppure il nostro stato di diritto è proprio solo quello “ROMANO”?

ForZe è per queZto che la parola “razziZmo” suona molto bene in bocca a certi perZonaggi.macro-dell-insetto-della-cicala-thumb8987283.jpgmacro-formica.jpg

Non con rancore, ma è con compassione che saluto tutti quei personaggi che non capiscono che un popolo può davvero diventare grande se impara a dominare, anzichè il prossimo, i propri sentimenti di invidia di rancore verso i “fratelli” ritenuti più fortunati a torto o a ragione, se si può considerare fortunata la formica, rispetto alla cicala!

Scrivi un commento